Logo

Gli eventi Mentors4u raccontati dai Mentee.

di Mentors4u- Carlotta Siniscalco, Carlotta Boroli, Federica Salvati, Alessandro Di Lullo   |   Team editoriale Mentors4u   |   27/06/2017
Coffee Chat, Study Break e Networking: perché partecipare e cosa si impara? I nostri Mentee raccontano...
Il Mentee Giacomo Sabadin, [Corso dI laurea In EconomIa – UniversItà Di Padova]
ci racconta la Coffee Chat con Vittorio Ogliengo, Head of Corporate and Investment Banking Italy, Gruppo Unicredit.
 
Lunedì 27 febbraio ho avuto la splendida possibilità di incontrare con altri quattro ragazzi di Mentors4u Vittorio Ogliengo, Head of Corporate and Investment Banking di Unicredit in Italia.
La mia prima Coffee Chat, nel contesto spettacolare di piazza Gae Aulenti a Milano, si è rivelata essere molto più di quello che avevo immaginato. Un'ora e mezza dove la sua esperienza e i suoi racconti erano interamente riservati a noi, per poter imparare da lui e conoscere il più possibile con curiosità.

Il primo grande insegnamento che ho portato con me a casa a Venezia è stata la sua capacità di visione. Ogliengo ci ha dimostrato che per chi lavora nel suo campo e al suo livello sono necessarie due abilità all'apparenza contrapposte. Per prima cosa, una grande visione d'insieme, di come il mondo stia procedendo da un punto di vista economico e finanziario è necessaria per capire ad ampio spettro fenomeni globali come il cambiamento geopolitico internazionale, l'evoluzione dei paradigmi legati all'energia e il problema della crescita e dei Paesi emergenti. D'altra parte, è cruciale saper combinare questa abilità con una forte e approfondita conoscenza tecnica del campo dove si lavora, nel suo caso la finanza e il CIB. La sua chiave di lettura degli attuali dibattiti sulle banche italiane ed europee, il loro rapporto con la UE e il loro ruolo nel vasto mondo finanziario
globalizzato stupisce (e c'era da aspettarselo) per chiarezza di idee e capacità di esempli care le straordinarie complessità che ci circondano.
Il secondo punto importante riguarda secondo me la storia personale di Ogliengo. Il nostro Senior Mentor ci ha raccontato la sua vita professionale e le grosse scelte che ha dovuto affrontare diverse volte. La famiglia e l'aspetto etico hanno sempre contribuito alle decisioni e questo non è da tutti. Il risultato è stata anche una magnifica commistione tra lavoro in banca e in impresa che ha permesso ad Ogliengo di approfondire la relazione tra queste sue realtà da ambo i lati cogliendone gli aspetti cruciali e fondamentali. Davvero una grande persona, fonte di forte ispirazione da parte mia e credo anche degli altri ragazzi presenti. Grazie Mentors4u!

 
 
La Mentee Giulia Cazzulo, [Master of Science In AccountIng, Financial Management and Control – Università Commerciale Luigi Bocconi]
ci racconta lo Study Break con i Mentor di Google: Angela Bersini (Industry Manager) e EnrIco PasquottI (Account Manager-Large Customer Sales)
 
Giovedì 2 marzo 2017 si è tenuto lo Study Break con i Mentor di Google Angela Bersini ed Enrico Pasquotti. Per quanto sia difficile identificare dei caratteri comuni ai talenti selezionati da Google, tutti abbracciano i valori della “Googliness”. Googliness si riferisce all’attitudine dei dipendenti Google, che non solo mirano all’eccellenza dei risultati ma innanzitutto valorizzano e rispettano le persone intorno a loro, siano colleghi o clienti. Per i giovani aspiranti Googlers, ci sono possibilità di inserimento tramite il programma di Business Intern che si apre ogni autunno oppure applicando per una delle diverse posizioni che si aprono frequentemente di SME Account Specialist nella sede di Dublino. Google pone molta attenzione sullo sviluppo dei propri dipendenti, anche finanziando in parte o completamente attività extralavorative di crescita personale o professionale.
Ma come reagirà il mondo del lavoro all’avvento dell’intelligenza artificiale? Dalla discussione è emerso che nel tempo molte attività saranno portate a termine senza l’ausilio umano, tuttavia l’intelligenza artificiale non è (ancora) intelligenza emotiva, per cui le capacità relazionali e interpersonali diverranno le caratteristiche chiave del manager di domani.”
 
I Mentee: Cecilia Trasi [Bachelor in Economics and Management – Unviersità Cattolica del Sacro Cuore] e Fulvio Ferretti [Master of Science In Economics & Finance – Università degli Studi di Napoli Federico II]
ci parlano dell'Aperitivo di Networking – Speciale Consulenza
 
Ho avuto il grande piacere di godermi un drink o due tra Mentee con ambizioni simili alle mie e consulenti McKinsey. Durante la serata abbiamo avuto modo di porre tutte le domande che volevamo e tutti sono stati fonte di insights, aneddoti e consigli preziosi. L'ho trovato davvero arricchente e mi ha dato parecchio materiale su cui riflettere. Certe idee che avevo sul mondo della consulenza sono state smontate, altre si sono formate dandomi un disegno più chiaro di ciò che vuol dire lavorare in un'azienda come McKinsey e del tipo di persona che può inserirsi bene in quel settore. Per esempio, il fatto che non importi tanto il percorso di studi/carriera di un candidato quanto il suo approccio e la visione che ha delle cose. Pertanto la cosa migliore per avere successo in quel settore (e essere contenti) è semplicemente essere se stessi e impegnarsi al massimo.
 
Cecilia Trasi
 
 
L’aperitivo di Networking del 23 febbraio, organizzato con la collaborazione di McKinsey&Company, mi ha dato la possibilità, insieme ad altri Mentee, di poter avere un confronto con l’esperienza di alcuni consulenti di una tra le più prestigiose società di consulenza manageriale al mondo. Faccio tesoro dei chiarimenti ricevuti in merito alle differenze nell’intraprendere il percorso di consulente generalista piuttosto che di consulente specialista, alle competenze che caratterizzano l'attività dei consulenti junior ed alle practices più diffuse nell’industry. Ho potuto anche comprendere quanta enfasi sia attribuita da McKinsey al processo di crescita ed all'acquisizione di competenze complementari da parte dei propri dipendenti; obiettivo perseguito attraverso l'assegnazione dei consulenti a progetti relativi a diversi settori ed operations, a frequenti programmi di training sino alla sponsorizzazione per programmi di top MBA. L’evento si è rivelato anche un’occasione unica per stringere amicizia e scambiare opinioni con altri Mentee.“
 
Fulvio Ferretti


Team Mentors4u